Riparazione per ingiusta detenzione

Riparazione per ingiusta detenzione

La domanda di riparazione per l’ingiusta detenzione  artt. 314 e 315 c.p.p. deve essere presentata presso la cancelleria della corte di appello nel cui distretto è stata pronunciata la sentenza o il provvedimento di archiviazione che ha definito il procedimento. Nel caso di sentenza emessa dalla Corte Suprema di Cassazione, è  competente la corte di appello nel cui distretto è stato emesso il provvedimento impugnato.

recapiti delle corti d’appello

Chi è stato sottoposto alla misura della custodia cautelare in carcere ed è stato poi, all’esito del procedimento penale, prosciolto con sentenza di assoluzione diventata irrevocabile, ha diritto a ricevere un equo risarcimento del danno subito.
Stesso risarcimento spetta a:

  • chi ha patito ingiustamente carcerazione per effetto di un ordine di esecuzione erroneo

  • chi ha subito custodia cautelare in carcere sulla base di un provvedimento emesso o mantenuto in mancanza delle condizioni richieste dalla legge, sia in caso di successiva assoluzione che di condanna.

Inoltre, chi è stato licenziato dal posto di lavoro che occupava prima della custodia cautelare e per tale causa, ha diritto di essere reintegrato nel posto di lavoro se viene pronunciata in suo favore sentenza di assoluzione, di proscioglimento o di non luogo a procedere ovvero viene disposta l’archiviazione.

Il ricorso va proposto (a pena di inammissibilità) entro due anni dal giorno in cui la sentenza di assoluzione o condanna è diventata definitiva alla corte d’appello nel cui distretto è stata pronunciata la sentenza.
Si applicano le norme per la riparazione dell’errore giudiziario.
E’ obbligatoria l’assistenza di un legale munito di procura speciale.
La parte che si trovi nelle condizioni di reddito previste dalla legge può chiedere il patrocinio a spese dello Stato.

Per altre informazioni:
Uffici Giudiziari di Genova

Normativa di riferimento:
Art. 5 comma 5Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali,
firmata a Roma il 4 novembre 1950 (Testo coordinato con gli emendamenti di cui al Protocollo n. 11 firmato a Strasburgo l’11 maggio 1994, entrato in vigore il 1º novembre 1998).

CORTE D’APPELLO DI________________

Domanda risarcimento danni per ingiusta detenzione

Il sottoscritto ______________________nato nel Comune di _________________ Provincia di _______________  il  _____/_____/_______  residente nel Comune di ________________________ PROVINCIA _______________ C.A.P. _____________

Si premette

– A seguito del provvedimento emesso da _________________ in data______ il sig. ___________________________ ha subito la custodia cautelare nel carcere di _______________________ nel periodo  dal ____________ al _______________

– Successivamente con con sentenza ________________ divenuta irrevocabile in data _______________  è stato prosciolto perché ________________________ (specificare formula assolutoria).

  • L’istante non ha dato causa a tale custodia nè risulta che abbia concorso a darvi causa per colpa grave o per dolo.
  • L’istante a seguito della custodia cautelare ha subito danni significativi consistiti in: __________________________ e che possono quantificarsi in Euro ________________  ( _____________________ )

Ciò premesso e considerato che non sono trascorsi i due anni dalla data in cui è divenuta irrevocabile la sentenza di proscioglimento;

SI CHIEDE

che ai sensi dell’art. 643 e segg. c.p.p.,  la Corte d’Appello di  _______________ voglia, riparare l’ ingiusta detenzione con l’assegnazione in via provvisoria di una provvisionale a titolo di alimenti in ragione delle condizioni economiche precarie del danneggiato.

Si produce:  

– provvedimento del _____________
– sentenza di prosciogliemetno
– documentazione sul danno_________________

Data e firma

scarica il modulo in pdf